Melania Trump: la 45° First Lady

In questi giorni non si parla d’altro: il miliardario imprenditore, politico e personaggio televisivo statunitense Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti d’America, battendo alle elezioni la Clinton! Così, il 20 gennaio 2017, entrerà nella Casa Bianca accompagnato dalla moglie, Melania Trump, che a sua volta diverrà la 45° First Lady degli Stati Uniti.

La First Lady è un’icona di classe, bon ton, eleganza, la donna per eccellenza, ideale perfetto e sempre impeccabile in qualunque evento o altra circostanza. La nostra bellissima ex-modella slovena riuscirà ad essere tutto questo? Melania Trump in passato era una vera e propria bomba sexy, non che ora non lo sia ancora nei sui favolosi 46 anni; icona sulle copertine di Vogue, Vanity Fair, Elle, ma soprattutto sex symbol in un servizio fotografico decisamente “hot” per GQ. Diciamo che si distoglie dalla classica figura della Prima Donna degli Stati Uniti, la sua immagine è decisamente più audace e colorata, una pantera dagli occhi azzurri dall’imponenza statuaria.

melania-trump-style* Melania Trump alla Convention del Partito Repubblicano a Cleveland in un abito ROKSANDA bianco ed in un paio di Pumps Louboutin nude. Il giusto connubio tra il sensuale e l’elegante!

Noi facciamo il tifo per lei, sperando che riesca a calarsi bene nel ruolo nel quale si ritrova pur non modificando il suo essere: okay adeguarsi alle circostanze ma pur sempre rimanendo se stesse, non trovate! Si vocifera che ri-lancerà il tubino, sarà vero? Questo è tutto da scoprire, non ci resta che attendere.

Un grandissimo in bocca al lupo alla Tramp’s Lady e al suo Donald!

S/ & M_

@SerenaLorusso & @Mariantonietta Corleto

Annunci

MFW’16 F/W #2°part

21701_910296692335825_5531580392732464105_n

Milan Fashion Week // 24-29 Febbraio 2016

Ed eccoci nuovamente qui con il secondo appuntamento sulla MFW’16, evento tenutosi a Milano fino a qualche giorno fa! Chi ci segue odiernamente avrà sicuramente letto l’articolo in cui vi mostriamo le sfilate che hanno avuto luogo il 24, 25 e 26.02… per chi invece per un’assurdissima ragione non l’avesse letto, può trovarlo QUI! Gli ultimi tre giorni della #MFW ci hanno regalato delle sorprese incredibili firmate ancora una volta dalle Maison più importanti. Colpi di scena, colore e stile in una Milano unica, palcoscenico della moda nel mondo e dell’eccellenza. Solo il meglio sulla nostra passerella! Cosa ci hanno regalato gli ultimi caldissimi giorni della #MFW? Scopriamolo insieme 😉
Vi auguriamo un weekend grandioso! Vostre S/ & M_.

Leggi anche >>> MFW’16 F/W #1°part

A.A.A. >>> Se cliccate sul nome degli stilisti potete visionare le collezioni presentate durante la MFW’16!!! Vogliamo farvi un altro regalo: QUI potete trovare tutti i video delle sfilate di questa meravigliosa settimana!

27.02.2016 <

|| BOTTEGA VENETA || Forte ed indipendente è la donna sulle passerelle di Bottega Veneta. Non sono abiti fatti per essere mostrati, ma indossati con semplicità quelli disegnati da Tomas Maier. Un’eleganza lussuosa ma reale, fatta di pezzi semplici come morbidi cappotti lunghi, abiti corti, pantaloni slanciati. Tutto è per tutte, portabile e presentato con decori lievi ma molto interessanti. Una donna seria ma sensuale, che per la sera indossa abiti in organza. Questa è la donna by Bottega Veneta.

 

|| UJOH || Capigliatura selvaggia sulle passerelle milanesi per la donna by Ujoh. Una sfumatura che va dal capo più scuro a quello più chiaro attraverso una sovrapposizione di tessuti. Uno stile mannish accompagnato da lunghezze midi delle gonne ed accessori semplicissimi. I completi top e gonna si alternano in passerella agli chemisier ampi. Essenza sportiva e pratica ma con un’eleganza sofisticata.

 

|| ANTONIO MARRAS || Eleganza d’altri tempi, raffinata ma attuale, fatta di tessuti preziosi e colore. Antonio Marras è riuscito a trasportarci nel futuro con completi maschili dalle silhouette over, abiti lunghi con rose stampate, grandi cappotti a vestaglia, caban ricamati di cristalli, parka decorati di pelliccia. Gli abiti, lunghi e fluidi, si abbinano perfettamente a decolletes e boots. Una collezione da scoprire e che ci ha sorprese!

 

|| BLUMARINE || Le donne in fiore di Blumarine hanno sfilato portando con sé pelliccia e maculato, portando alla luce una concezione del tutto nuova per le Venere in passerella. Romantiche ma sofisticate, donne che ostentano il proprio lusso pur restando perfette dee con gli abiti lunghi ed in chiffon coperti da avvolgenti cappotti in visone. Un mix divertente ed interessante!

 

|| LEITMOTIV || Colore e fiori per l’inverno di Leitmotiv, dai toni decisi e capi straordinari. Si chiama “ludo-couture” l’evoluzione stilistica di Juan Caro e Fabio Sasso, i designer di Leitmotiv. A raccontare la storia della collezione Autunno/Inverno 2016-17, il cervo, animale icona del brand che si muove come in una favola di Fedro tra animali simbolici che partecipano della narrazione spuntando tra fiori rigogliosi, soprattutto maxi rose. Una carrellata di colore su abiti femminili e principeschi, ricamati spesso in tulle o scivolati da coprire le forme femminili. Una donna dai mille sapori!

 

|| ERMANNO SCERVINO || La classe non è acqua! Per questa collezione, Scervino ha scelto il pizzo e i cappottoni dalle linee lisce ma con decori attenti, come i colli asimmetrici in pelliccia multicolor e caschi in volpe.Il punto vita viene enfatizzato e le giacche scendono lunghe su pantaloni slim. Impeccabile!

 

|| JIL SANDER || Linee sobrie e coat maschili per la donna Sander, che decisa e fiera sfila in passerella. Un mix di massimo rigore e sensualità, con silhouette allungate, volumi decisi e spalle forti. Tessuti metallizzati eppure così eleganti: ancora una volta, uno stile pulito e sensuale.

 

|| CIVIDINI || Ritorno di frange e sciarpe over per Cividini. Un “minimale e imperfetto”, così viene descritta la nuova collezione caratterizzata da capi essenziali dalle linee pulite che giocano con sovrapposizioni e asimmetrie. “Le pieghe stirate e poi spianate quasi a lasciare traccia di ripensamenti creativi, i quadretti di un disegno rubato alla drapperia maschile cancellati, pennellate di colore a sottolineare l’evolversi del processo creativo”, ecco la particolarità della collezione!

 

|| GABRIELE COLANGELO || Pellicce leggerissime come piume e avanguardia pura per la donna by Colangelo. Un’attenzione all’artigianale e alla tecnologia d’avanguardia che rende tridimensionale lo shearling, crea maxi righe verticali sul visone, taglia e ricompone la volpe in tessere preziose. Maglie ampie e leggere trasparenze donano una quint’essenza alla collezione. Assolutamente imperdibile.

 

|| AQUILANO.RIMONDI || Femminilità e carattere, è questo ciò che vediamo in passerella! Il bianco e nero mettono in risalto il loro contrasto cromatico su completi maschili e smoking rivisitati in chiave asimmetrica, ma sempre sensuali. Abiti aderenti e nei top in tessuti tecnici ispirati al mondo dello sportwear. Leggere paillettes donano luce ai capi e completano il look da sera, con piume in movimento tono su tono.

 

|| PHILOSOPHY DI LORENZO SERAFINI || Romanticismo e dosi di colore per la donna di Philosophy che ama sognare, è romantica ma sensuale. Due le icone di Serafini: Lady D con la sua eleganza e Siouxsie che ci riporta alla decadenza underground dei club londinesi degli anni 80. Un voler fermare il tempo che scorre veloce, come una dolce promessa. “Ho pensato alla volontà che bisogna avere per mantenere un approccio dolce alla vita. Partendo da questo ho esplorato diverse sfumature dello spirito romantico che mi appartiene scoprendo una femminilità più forte e meno eterea, con più consapevole innocenza seduttiva”. Secondo noi una delle migliori collezioni!

 

|| PORTS 1961 || E’ di ispirazione maschile la collezione by Ports 1961: completi morbidi indossati con T-shirt stampate e sneaker, eleganti giacche a doppiopetto che lasciano intravedere l’organza dai fianchi, cappotti rigorosi che si aprono ai lati rivelando tessuti luminosi ed eliminando le maniche. Un guardaroba maschile cucito sulla donna che affronta la vita con rigore, concedendosi piccoli tocchi di colori e luce.

 

|| PHILIPP PLEIN || Hip-hop e streetstyle contemporaneo ispirano Philipp Plein che questa stagione aggiunge un tocco futuristico alle sue creazioni.Dalla pelle alle pellicce ampie, dai cristalli alle paillettes metalliche dal sapore un po’ rock che ricoprono il corpo. Giovane e impreziosita d’oro: ecco la donna che ci appare in tutta fierezza sulla passerella, dalla sensualità grintosa e forte.

28.02.2016 <

|| ALBERTO ZAMBELLI || Due figure straordinarie portano alla luce l’essenza della nuova collezione F/W’16 by Zambelli: Maria Altmann, nipote di Gustav Klimt e protagonista di “The Woman in Gold”, immersa nella Secessione della Vienna anni Quaranta ed Einar Wegener, pittore danese degli anni Venti la cui storia è stata svelata in “The Danish Girl”. Maschile e femminile, militare e romantico si incontrano,creando una trama sofisticata e sensuale, con le trasparenze nette e la sensualità del corpo femminile, con un tocco glamour.

 

|| MARNI || Un mood divertente ed interessante quello di Marni! Abiti  dalle maniche scultoree e arrotondate, top fissati sulla schiena con lunghi nastri, cappe regali ed asimmetriche sono pochissimi elementi del genio indiscusso. I materiali si mescolano, i colori si mischiano in una spontaneità studiata che da sempre contraddistingue lo stile di Marni. Gli occhiali cut-out? Una firma.

 

|| RICHMOND || “Una killer queen vestita d’oro in viaggio tra due mondi opposti”, ecco la donna Richmond. Una donna che sceglie di indossare capi dall’ispirazione maschile o magici long dress da grand soirée, restando sempre sofisticata, misteriosa e sexy. L’accativante selezione degli accessori, ha conferito poi alla donna Richmond classe e carattere.

 

|| LAURA BIAGIOTTI || Oriente ed Occidente si fondono in un tripudio di tonalità calde del rosso ed oro, passando dalle più estreme sfumature e sfociando nel bianco. Materiali scultorei come il mikado vengono abbinati a tessuti leggeri, tra fiori 3D e pennellate che trasformano i tessuti in quadri. Il connubio tra le due culture sembra perfetto.

 

|| STELLA JEAN || Il Poncho torna nell’inverno di Stella Jean, colorandosi di toni forti e lavorazioni sorprendenti. Bellissima anche la proposta di capi realizzati attraverso l’uso del “Fluffy”, tecnica di recupero e lavorazione che permette a scarti industriali del mass market di trasformarsi in capi di moda.

 

|| MSGM || Pop, tagli netti e cappotti over per Massimo Giorgetti. Il rosso sembra insidiarsi in ogni capo, regalando perfetta armonia tra i capi proposti. Eccentrici e girly, sfilano senza sosta donne che riprendono tutti gli stili, proponendo un mix & match oltre i limiti!

 

|| SALVATORE FERRAGAMO || Righe e fantasie optical B&W operano durante tutta la sfilata con accostamenti forti, ma sempre eleganti e raffinati, nel perfetto stile Ferragamo. Ci sono gli zig-zag maxi in tinte cariche su tubini, cappe e persino pellicce. E infine abiti color blocking a sottoveste finemente plissettati. Una donna indipendente che si lascia amare.

 

|| TRUSSARDI || Elegante ed estremamente femminile è la donna Trussardi che sfila con i capelli al vento. Un mix esemplare e riuscito quello tra lo stile cavallerizzo e il mondo metropolitano, che hanno ricreato l’immagine del brand in totale freschezza. Giacche mannish ma sofisticata femminilità!

 

|| AU JOUR LE JOUR || “Look at me, Taste me, Hear me, Smell me, Touch me”: il mood sensuale e passionale sulla passerella milanese si fa sentire attraverso capi semplici ma dalle stampe chiare e divertenti. L’ispirazione è la comunicazione veloce di oggi che riportano stampe e ricami sotto forma di lettere e simboli applicati su abiti, gonne e giacche. Un gioco di accostamenti che vede in scena anche il denim.

 

|| MISSONI || Missoni sprigiona fantasia e colore attraverso i capi presentati sulla passerella milanese, mostrando capi ricercati, sovrapposti, grafismi e patchwork 3D. La firma Missoni c’è e si vede, ed è altamente riconoscibile! Ciò che viene proposto sono leggins e tacchi vertiginosi per il giorno, e boleri e abiti in maglia plissé per la sera. Squisiti!

 

|| DAMIR DOMA || Una donna nettamente mannish quella di Damir Doma, che ripone il suo inverno in colori più spenti rispetto ai colleghi e meno luminosi. Le giacche sono over così come lo sono i maglioni. Una completa contrapposizione tra solido e fluido che rivive nell’intera sfilata.

29.02.2016 <

|| DSQUARED2 || Le uniformi militari, l’epoca vittoriana e il Giappone ispirano questa collezione DSquared2.  La proposta dei gemelli Caten è il mix tra maschile e femminile, puntando sui decori e i dettagli sorprendenti. Sandali dal tacco altissimo e maxi gioielli completano i look dando un tocco più deciso, più forte e assolutamente moderno.

 

|| GIORGIO ARMANI || Sofisticata e sempre impeccabile è la donna presentata da Giorgio Armani che sfila fiera nel suo abito in velluto. Sensuale ed elegante, sembra camminare in un sogno. Drammatico e prezioso, il velluto gioca con la luce ed i riflessi creando un immaginario seducente, onirico ed emozionale. Radiosa nel suo abito nero e fantastica nel tailleur scomposto. Una scommessa vinta!

 

|| ANGELO MARANI || Più giovane e fresca è invece la donna vista da Marani che sfila su una passerella che pare ricordare la neve. Il colore non manca ed i pom-pon coprono i capi. Tubini di maglia dalle tinte forti si alternano a cappotti stampati a motivi floreali, gonne da gitana e trasparenze fantasiose. Immancabile il tocco sexy della pelle nuda!

 

|| ARTHUR ARBESSER || Con una base di linee semplici e di silhouette pulite, si gioca ampiamente con con gli accostamenti contrastanti e con le sovrapposizioni nella nuova collezione firmata Arbesser. Una donna dalla femminilità contemporanea la sua, potente, che passa dalle tinte neutre a quelle shock.

 

|| MILA SCHÖN || L’azzurro e il giallo vestono la donna vista da Schön; con carattere e forza, disegna una donna che osa con tessuti fluidi, morbidi, che accarezzano il corpo e texture lucide. Una donna futuristica e sempre all’avanguardia.

 

|| VIVETTA || Romantica e dolce è la donna by Vivetta, ispirata al Giappone e alle sognatrici. E’ proprio il sogno il filo conduttore della sfilata che tesse sui corpi delle modelle abiti leggeri ma anche pellicce calde e dai toni serenity.  I capispalla e i completi maschili dal gusto militare si alternano in passerella con i mini abiti bon-ton ad A e quelli con gonne ampie e romantiche. Un sogno portato in passerella!

 

|| SAN ANDRES MILANO || “Colorata, a tratti eccentrica e con quella dose di romanticismo che non guasta mai”. E’ la donna firmata San Andres Milano. Abiti  midi con volant, mini e maxi skirt, minidress scivolati con maniche a tre quarti e longdress eterei e morbidi. Si ai classici nero e grigio, ma anche e soprattutto da colori shocking come il fucsia fluo, il rosso, il petrolio, il turchese e il blu elettrico, accompagnati da pois, da fantasie caleidoscopiche e da chevron in cromie metalliche.

 

|| LUCIO VANOTTI || Una collezione decisamente ampia: giacche oversize e pantaloni coulotte, tagli dritti e minimal; minimal anche nei colori, principalmente bianco nero e arancio, e un tocco di blue navy su completi gessati e camicie a righe.

|| PICCIONE.PICCIONE || Motivi decorativi di cuori e fiori arricchiscono le giacche, pantaloni di denim e abiti ultra femminili sotto forma di ricami e applicazioni che brillano. I colori presenti in questa collezione sono forti e passionali: vermiglio, fucsia, rosa shocking. Si alternano capi classici e camicette maliziose dalle trasparenze audaci, giacche di piume preziose a longuette che sembrano bouquet tridimensionali.

S/S 2016 TREND ALERT // What’s your identity?

Il freddo non ci lascia e continua a farci indossare capi sopra capi, maglioni oversize e sciarponi di lana, stivali e calzettoni, ma il tutto… sempre con stile! La Primavera però non tarderà ad arrivare e sicuramente come noi, anche voi avete un po’ di nostalgia del sole caldo e del vento mite primaverile, del profumo dei fiori e dei colori, e non vedete l’ora che tutto ciò sia alle porte! Così, attendendo tutto questo, abbiam deciso di condividere con voi qualche anteprima S/S 2016, così da scoprire insieme i trends ed i consigli che ci vengono suggeriti direttamente da Vogue!

Quindi quali saranno i must per la nostra Primavera/Estate 2016? Scopriamoli insieme!

Buona lettura!!! Vostre, S/ & M_

Ruches: sono vere e proprie sculture di tessuto gli abiti primavera estate 2016. Quelli di Francesco Scognamiglio, Balenciaga e Roberto Cavalli giocano con le trasparenze.

Anelli: drappeggi e giochi di intrecci per il long dress di Roberto Cavalli, minimal la jumpsuit di Lanvin.

Bianco: essenziale lo chemisier di Boss, trompe-l’œil l’abito di Carolina Herrera.

Maxi camicia: è pink e plissetata quella di Trussardi, di raso japan-style quella di Marni.

Stampe colorate: è un patchwork di tessuti l’outfit di Manish Arora, è optical la gonna di Daizy Shely.

Micro shorts: sono a vita alta gli shorts di Dior, micro quelli di Missoni.

Drappeggi: nuance accese per gli abiti di Bottega Veneta e Fausto Puglisi, maxi drappeggio per il micro top Roberto Cavalli.

Jumpsuit: striped, strapless e super aderente quella di Giamba; lurex e morbida quella di Emporio Armani.

Leopardo: sono micro i mini dress di Versace e Roberto Cavalli, declinati in tonalità fluo.

Nero: total look black sia in versione mannish, come Ann Demeulemeester, che femminile, come Blugirl.

Pantofole: sono di pizzo quelle di Balenciaga, preziosissime, di antilope, quelle di Simonetta Ravizza.

Militare: si indossa come un vestito il cappotto doppiopetto di pelle firmato Mugler, così come la giacca di Versace, stretta in vita da una maxi cintura.

Minigonna: sotto aderente, sopra morbida e ricamata quella di Fendi; a righe lurex quella di Giamba.

Pizzo: si nasconde tra balze di raso il seducente pizzo del longdress di Elie Saab, candido e girlie-like quello di Giamba.

Rete: è un gioco di sovrapposizioni l’outfit di Marni, applicazioni colorate funny per l’abito di Dolce & Gabbana.

Sfumature di rosa: tra i colori moda primavera estate 2016 spicca il pink, in tutte le sue gradazioni. Delicato sul look di Simonetta Ravizza, acceso per Elie Saab.

  Slip dress: seducenti trasparenze black per Francesco Scognamiglio; una scultura di rouches l’abito di Gucci.

Arancione: in stile caftano il mini abito di Simonetta Ravizza; una piogga di balze per il long dress Balmain.

Mannish:look primavera estate 2016 copiano dal guardaroba maschile: di jacquard, giallo acceso, il tailleur pantalone di Gucci, pink quello di Emporio Armani.

Tailleur: Prada lo propone interamente ricoperto di applicazioni con bordature a contrasto; con stampa floreale e maxi fiocco quello di Gucci.

Fonti    VOGUE 


The cold does not leave us and continues to make us wear hot clothes, oversized sweaters and wool scarf, boots and socks, but everything … always stylish!

Spring, however, is coming and definitely like us, you too have a bit ‘of nostalgia for the hot sun and wind mild spring, the scent of flowers and colors, and you can not wait for that!

So, waiting for all this, we have decided to share with you some preview S / S 2016, so as to discover together the trends and tips that are suggested directly by Vogue!

So what are the must for our Spring / Summer 2016? Let’s find out together!

Enjoy the reading!!!

Your, S / & M_

Ruffles: they are sculptures of fabric clothes for spring summer 2016. Those of Francesco Scognamiglio, Balenciaga and Roberto Cavalli play with transparency.

Rings: drapes and games of plots for the long dress by Roberto Cavalli, the minimal Lanvin jumpsuit.

White: the essential shirtwaist Boss, trompe l’oeil dress by Carolina Herrera. Maxi shirt is pink to Trussardi, satin japan-style to Marni.

Colorful prints: is a patchwork fabrics outfit for Manish Arora, is optical skirt for Daizy Shely.

Micro shorts: they are high-waisted shorts for Dior, Missoni ha the micro ones.

Draping: shades for the clothes of Bottega Veneta and Fausto Puglisi, maxi drapery for the micro top by Roberto Cavalli.

Jumpsuit: striped, strapless and super adherent by Giamba; Lurex and soft by Emporio Armani.

Leopard: micro mini dress by Versace and Roberto Cavalli, available in fluorescent shades.

Black: black total look in both mannish, as Ann Demeulemeester, and women, as Blugirl.

Slippers: lace are those of Balenciaga, precious, antelope, those of Simonetta Ravizza.

Military: worn like a dress coat double-breasted leather signed by Mugler, as well as Versace jacket, tight at the waist with a big belt.

Mini Skirt: under-fitting, soft and embroidered above that of Fendi; striped lurex by Giamba.

Pizzo: it is hiding between the seductive lace satin flounces of longdress Elie Saab, candid and girlie-like by Giamba.

Mesh: is a game of overlapping outfit by Marni, applications for the funny colored dress by Dolce & Gabbana.

Shades of pink: the fashion colours for spring summer 2016 stands out the pink in all its shades. The delicate look of Simonetta Ravizza and of Elie Saab.

Slip dress: black seductive transparency for Francesco Scognamiglio; a sculpture of frilly dress Gucci.

Orange: caftan-style mini dress by Simonetta Ravizza; a precipitation less of frills for the long dress by Balmain.

Mannish: looks copied from the spring summer 2016 menswear: jacquard, bright yellow, pantsuits by Gucci, pink by Emporio Armani.

Tailleur: Prada proposes entirely covered applications with edging in contrasting colors; Floral Print Maxi bow by Gucci.

Vogue Fashion’s Night Out // Sept.5 2013 Berlin

1266537_10201427063310622_330663420_o

In questo periodo ho sentito tanto parlare della Fashion Week Milano: non ho potuto seguirla da vicino, ma grazie alle blogger che vi hanno partecipato attivamente sono riuscita a visionare le nuove tendenze che ci attendono nel 2014! Colgo l’occasione per ringraziarle tutte!

Io, nel mio piccolo, continuo, ma ancora per poco, a scrivervi da terra tedesca e ad aggiornarvi sugli avvenimenti Berlinesi. Oggi vi parlo della Vogue Fashion’s Night Out ’13, tenutasi a Berlino il 5 Settembre. Scommetto che molte di voi hanno partecipato alle Vogue Fashion’s Nights Out tenutesi in Italia, tra Firenze e Milano! Sono sincera: non ho molto da dire su quest’evento berlinese, che si è rivelato nettamente inferiore alle mie aspettative e per niente paragonabile alla Vogue Night milanese. I punti di interesse principali si sono concentrati principalmente in due zone della città, sulla Kurfürstendamm e presso le Galeries Lafayette in Friedrichstraße. Sulla Kurfürstendamm sono pochi gli stores che hanno aderito all’evento. Fra questi troviamo Pull&Bear, Bershka, Desigual, e fra i principali Karstadt ed il KaDeWe. La serata organizzata dal Karstadt ha preso il nome di “Feel London” anche se di londinese vi era veramente poco. Qui la situazione non era delle migliori,  non vorrei esagerare ma era a dir poco deserto! Per consolarci vi erano delle hostess che giravano per il centro armate di mini-muffin e prosecco! Più movimentato invece è stato il party organizzato al KaDeWe sponsorizzato da Bulgari, con ingresso esclusivamente su invito! Il KaDeWe è un centro commerciale strutturato come la nostra amata Rinascente! Per la Vogue Night era aperto all’evento solo il piano terra, dove si trovano principalmente i reparti di cosmetica e gioielleria. A questo evento hanno partecipato in molti e vi era una piacevole atmosfera, accompagnata dalla degustazione di Belvedere, che è in assoluto la vodka che preferisco di più! Altra tappa del mio itinerario: Galeries Lafayette. Qui purtroppo sono arrivata tardi, alle 23.30 ( la Vogue Fashion’s Night Out berlinese ha avuto inizio alle ore 20.00 ed è terminata alle ore 00.00) ed era tutto in conclusione. Mi sono divertita a scattare qualche foto di qua e di là nell’ultima mezz’ora disponibile! Resoconto: poco movimento, poco tempo per godersi il tutto anche se si è poi rivelato poco interessante, e ahimè shopping zero! Per fortuna ero in ottima compagnia, di conseguenza divertimento 100% !!! Vi mostro qualche scatto della serata, con qualche chicca che ha attirato la mia attenzione! Sono stracuriosa di sapere se avete partecipato alla Vogue Fashion’s Night Out ’13 milanese o a quella tenutasi a Firenze. Quali sorprese ci sono state quest’anno??? Xoxo’ S.

// Vogue Fashion’s Night Out ’13 is RED

1275994_10201427038670006_366833213_o

1173677_10201427175233420_1505580574_n1278095_10201427068150743_855150773_o1235065_10201427072510852_1654915538_n1094721_10201427075070916_1665493818_o

1185548_10201427176353448_147457676_n

// Vogue Fashion’s Night Out ’13 is ROCK HAIR STYLE at BERSHKA

1268871_10201427042350098_311363198_o

1239250_10201427045270171_1307062091_o

859587_10201427042870111_1843735058_o

1270411_10201427044590154_288171884_o

// Vogue Fashion’s Night Out ’13 is BULGARI & BELVEDERE at KaDeWe1234776_10201427064470651_745408374_n1262602_10201427066190694_2002328658_o798343_10201427078991014_1196116524_o1269478_10201427098511502_1942140294_o

1231257_10201427099431525_952968486_n622542_563026400411440_1322069695_o1273427_10201427071870836_479035819_o

// Vogue Fashion’s Night Out ’13 is BLACK

1234570_10201427101911587_1959910051_n1174970_10201427078350998_3948202_n1184902_10201427099871536_2049709476_n622781_10201468691551302_711382339_o