OUTFIT of the month // 03.’16

 

Anche Marzo è scivolato via, lasciando un profumo decisamente primaverile! Vogliamo salutare Marzo riproponendovi gli outfit postati in questo mese con la nostra guida per poterli riproporre! Per maggiori dettagli cliccate sulle immagini; continuate a seguirci e seguiteci anche sul nostro profilo Polyvore! Quale proposta di questo mese vi ha più colpito? Buon weekend a tutti e a lunedì!

Vostre, S/ & M_

#1 Une Italienne à Paris

VASCO

Une Italienne à Paris

#2 Sail in SAIL !

12071766_10207916941993533_2056641922_n

 

#3 Scent of Spring and Flowers

#4 Blue, Green and a Rain Coat!

IMG_1201


March is going away also for this year, leaving a sweet spring fragrance! We want to greet this month reposting the outfits showed during this month with our guide to be able to reproduce them! For more details click on the images; #staytuned and also follow us on our Polyvore profile! Which outfit of this month has impressed you the most? Have a nice weekend and Monday!
Yours, S/ & M_

 

#1 Une Italienne à Paris

#2 Sail in SAIL !

#3 Scent of Spring and Flowers

#4 Blue, Green and a Rain Coat! 

 

Annunci

” Dieta Mediterranea_LIFESTYLE” // Appuntamento con la nostra nutrizionista!

Buon Martedì a tutti! Pronti per una nuova giornata? Dato che negli ultimi due giorni abbiamo sicuramente esagerato, oggi abbiamo voluto fortemente la nostra Dott.ssa Ilaria per parlarci di un’alimentazione sana, corretta e uno stile di vita sano ed equilibrato: la dieta Mediterranea!
Mi raccomando, restate sintonizzati su questa “frequenza”! #staytuned
Un bacione, vostre S/ & M_  😉


In riferimento al secondo articolo di questa rubrica, oggi vi parlerò di DIETA MEDITERRANEA. Molti di voi sicuramente avranno sentito parlare di questa dieta, addirittura anche la designer Emily Crane, ha provato a realizzare abiti e accessori utilizzando gli alimenti tipici della dieta mediterranea.

emilycrane

Riconosciuta a livello mondiale dall’Unesco (United Nations Educational Scientific and Cultural Organization) come patrimonio dell’Umanità, la dieta mediterranea è una vera e propria bellezza da tutelare e onorare. Una decisione dal profondo valore culturale e nutrizionale i cui alimenti o meglio “alimenti funzionali” sono di estrema importanza per la salute. Ma come nasce la Dieta Mediterranea? Il fautore è stato Ancel Keys fisiologo dell’Università del Minnesota e primo biologo nutrizionista della storia il quale ipotizzò nel 1950 che le abitudini alimentari potessero avere un certo impatto sulla salute ed in particolare sull’insorgenza di malattie cardiovascolari. La sua ipotesi venne confermata circa 20 anni dopo attraverso il Seven Countries Study in cui dimostrò, arruolando popolazioni di sette paesi (Finlandia, USA, Olanda, Italia, Croazia, Grecia, Giappone , Jugoslavia) che le abitudini alimentari di alcune aree del bacino mediterraneo avessero un impatto favorevole sull’incidenza e la mortalità per malattie cardiovascolari. Ma quali erano queste abitudini? Sicuramente il consumo limitato di carne e preponderante di  pesce (soprattutto azzurro), frutta e verdura (che conferiscono il corretto apporto di sali minerali, vitamine e fibra) cereali (preferibilmente integrali), olio extra vergine d’oliva, legumi e frutta secca. In termini quantitativi un aiuto ci viene fornito dalla piramide alimentare, un modello nutrizionale per descrivere meglio le regole alimentari, la cui base è occupata dagli alimenti che privilegiano le nostre scelte (cereali, carni, latticini, frutta e verdura) mentre la punta è rappresentata da quelli che andrebbero assunti in quantità minori (grassi. carni conservate, dolci, sale) .

piramide_alimentare_alimentazione-bambini-coop
Oggi la dieta mediterranea è una vera e propria prevenzione contro le malattie cardiovascolari, tumori, diabete, obesità ed è fatta anche di competenze legate all’agricoltura e a scelte etiche e responsabili di allevamento, alla tipologia e alla scelta della pesca, al rispetto della stagionalità, alla preparazione del cibo e dei condimenti ma anche di regole, che fanno parte della buona vita incentrate sulla distribuzione dei pasti principali in 3 momenti della giornata: colazione, pranzo e cena susseguite da sani spuntini a base di frutta o di verdura, che non vanno mai saltati. Dunque una vera e propria filosofia di vita attraverso cultura, storia e tradizione e a noi il compito di rispettare queste antiche e sane tradizioni mediterranee. Non è mai troppo tardi per cambiare le proprie abitudini in virtù di una vita sana ed equilibrata. Perché mangiare sano significa vivere meglio! Vi aspetto con il prossimo articolo sui benefici dell’olio d’oliva.
Dott.ssa Ilaria Improta

Per molto altro ancora continuate a seguirmi sulla mia pagina FB: Dott.ssa Ilaria Improta


Happy Tuesday to everyone! Are you ready for a new day? After two long days of exaggeration, today we really wanted our Doctor Ilaria to tell us about healthy nutrition and healthy and balanced lifestyle: the Mediterranean diet!
Please, #staytuned on this “frequency”! Kisses, yours S/ & M_

 Following the second article of this feature, today I’ll talk about the MEDITERRANEAN DIET. Many of you will certainly have heard about it, even also the designer Emily Crane, who has tried to make clothes and accessories using the typical foods of the Mediterranean diet.

Globally recognized by UNESCO (United Nations Educational Scientific and Cultural Organization) as part of the World Heritage, the Mediterranean diet is a real beauty to preserve and honor. A decision from the deep cultural and nutritional values whose food or rather “functional foods” are extremely important to our health. When do we start to talk abot the Mediterranean Diet? The proponent was the physiologist Ancel Keys from the University of Minnesota, who was the first biologist and nutritionist in history and who in 1950 suggested that eating habits could have some impact on health and particularly on the onset of cardiovascular diseases. His hypothesis was confirmed 20 years later through the Seven Countries Study where he pointed out, enlisting people from seven different countries (Finland, USA, Holland, Italy, Croatia, Greece, Japan, Yugoslavia) that the eating habits of some areas of the Mediterranean basin had a favorable impact on the incidence and mortality of cardiovascular diseases. What were these habits? Sure, the limited consumption of meat and predominant consumption of fish (especially oily fish), fruits and vegetables (which give the right amount of minerals, vitamins and fiber) cereals (preferably wholegrain), extra virgin olive oil, legumes and nuts. In quantitative terms, aid is provided by the food pyramid, a nutritional model to better describe the dietary laws, the base of which is occupied by foods that favor our choices (cereals, meat, dairy products, fruits and vegetables) while the tip is represented by those that should be taken in smaller quantities (fats, preserved meats, sweets, salt). Today the Mediterranean diet is a real prevention against cardiovascular diseases, cancer, diabetes, obesity and it is also made of skills related to the agriculture and ethical choices and breeding managers, to the type and choice of fishing, to the respect for seasonality , to the preparation of food and condiments but also of rules, which are part of the healthy life focused on the main meals distribution in 3 times of the day: breakfast, lunch and dinner followed by healthy fruit-based snacks or vegetables, which haven’t to be skipped. So a real philosophy of life through culture, history and tradition and it’s our task in order to respect these old and healthy Mediterranean traditions. It’s never too late to change your habits on the basis of a healthy and balanced lifestyle. Because healthy eating means to live better! I’m waiting for the next article on the benefits of olive oil.
Dott.ssa Ilaria Improta

For details and other articles, follow me on my FB Page: Dott.ssa Ilaria Improta

Blue, Green and a Rain Coat!

IMG_1201

Detto classico di questo mese: ” Marzo pazzerello, esce il sole e prendi l’ombrello! ” E così che in un giorno piovoso qualunque mi sono armata del mio impermeabile preferito per affrontare al meglio la giornata! Chi è solito seguirci sa oramai che il blu ed il verde sono protagonisti indiscussi di questo mese, ed oggi ho voluto proporveli in una chiave decisamente più classica e formale. Cosa ne pensate? La borsa e le scarpe le ho acquistate in un piccolo outlet, pagandole molto meno rispetto al prezzo di partenza. Un vero affare, vero? Io me ne son subito innamorata! E il mio pantalone… ve lo avevo gia mostrato QUI in precedenza. A tutti un buon inizio settimana e #staytuned on #myhipsteria ! Vostra, S/

IMG_1205IMG_1216IMG_1217IMG_1224IMG_1230IMG_1241IMG_1249

Shirt   TERRANOVA (puoi acquistarla QUI )

Trousers   BOUTIQUE DE LA FEMME

Rain coat    PRIMARK

Necklace    FASHION JEWERLY SHOP

Ring    PAVIè

Watch    MICHEAL KORS (puoi acquistarlo QUI )

Bag    BLUGIRL – Blumarine

Shoes    ENRICO COVERI

Ph >>>  Alberta Santagata ❤

Happy Easter!!!!

easterrr

Have a wonderful time with your Families and Friends!

Hop, hop, hop,
Hop my bunny hop,
Hop along my little bunny
You look sweet and very funny
On this Easter day.

Look and see,
Where the eggs may be,
Here is on and here’s another,
Here’s a lovely one for mother.
Let us look and see,
Where the eggs may be.

Be a BLOGGER for one day // #3°

Siamo felicissime di presentarvi il terzo appuntamento, in questo caso “doppio”, della nostra rubrica “Be a BLOGGER for one day”. Questa volta, abbiamo dato la possibilità alle due diverse personalità, uniche e singolari, di Dalila e Maila Fontanella di esprimersi e giocare con noi, immedesimandosi blogger, appunto, per un giorno! Dalila e Maila sono due ragazze che nascono con la moda, che si nutrono di nuovi trends e che si immedesimano sempre in personaggi diversi. Sarete sorpresi da ciò che scoprirete oggi! Ma ora lasciamo spazio a loro! Vostre, S/ & M_

Dalila

12874246_10207482303349294_170756155_o

21 anni e non riuscire a trovare parole per raccontarsi. Troviamo semplice parlare del sole e della luna forse perché sono troppo distanti da noi quindi ci viene spontaneo dire “il sole illumina il giorno, la luna la notte”ma quando dobbiamo parlare o proprio raccontare di cose troppo vicine, ci riusciamo?
Io, a 21 anni prossimi ai 22, ancora non ho coscienza della mia persona, della mia personalità. Per l’anagrafe sono Dalila Fontanella, per il web sono Dadie Bradshaw e per la Corea sono 한사랑. Che ho 21 l’avete capito, che mi chiamo Dalila/Dadie/… anche, che altro c’è da dire? Quando ero piccola tutti trovavano il mio nome strano ma cos’ha di stra12675282_10207482303989310_1119279452_ono? Amo il nome e amo la storia a cui è collegata. Come molti sanno Dalila è il nome della storia di Dalila e Sansone, un racconto scritto da Milton dove Dalila è il personaggio cattivo che taglia i capelli di Sansone per eliminare la sua forza e Sansone, quel pover’uomo che dovrebbe essere Dio, è stato fregato da una donna di cui era innamorato.
Stando a questa piccola favola, perché sembra una favola, dovrei essere la strega cattiva della situazione ma non so se lo sono, a volte dicono che sono cattiva ma altre no e, non avendo trovato il mio “Sansone”, non ho ancora provato a tagliare i capelli e né ho l’abilità di affascinare gli uomini. Anzi, forse sono io ad essere affascinata, no
dagli uomini ma dalla moda, soprattutto dalle scarpe. Quando parlo di scarpe e di moda, spero sempre che qualche “Carrie Bradshaw nell’anima e nel cuore” capisca perché ho scelto Dadie Bradshaw. La mia forza, la mia personalità è proprio in questo piccolo nickname, o in quella serie tv / film conosciuta come “sex and the city”.

Durante la mia adolescenza sono arrivati i sogni, le sconfitte ma soprattutto le vittorie e quando parlo di sogni e di vittorie parlo della Corea. Sto frequentando l’ultimo, sudatissimo, semestre della mia triennal12422304_10207482304429321_214928358_oe e presto sarò la Dottoressa Fontanella Dalila, laureata in  Lingua, Lettere e Letteratura inglese e coreana, è più lungo il nome della mia laurea che no la mia tesi. Questo percorso di 3 anni è stato un percorso davvero difficile proprio perché mi sono vista tante sconfitte ma grazie a queste sconfitte sono riuscita ad “incassare” anche le mie vittorie come l’erasmus che ha letteralmente cambiato la mia vita. 6 mesi a Seoul, 6 mesi di continui cambiamenti e di continue scoperte che mi hanno aperto gli occhi su un sogno che non pensavo di realizzare e che mi ha fatto capire che la Carrie Bradshaw che vive in me, percorrerà le strade di Seoul con le sue Manolo Blahnik. Queste poche righe spero bastino a farvi capire chi sono ma soprattutto spero possano aiutarvi a credere in voi e nei vostri sogni. Continuate a rincorrerli come sto facendo io e come ha fatto Carrie Bradshaw su un bel paio di Manolo Blahnik.


Instagram: @dadyhope
Blog: Dadie Bradshaw
Clothes and Accessories: ZARA
Shoes: Jeffrey Campbell

Maila

Foglio sul tavolino, penna in mano e sono pronta a scrivere.
Non prendiamoci in giro, ho solo un pc e un paio di cuffie per isolarmi dal mondo esterno. Molti scrittori dicono che scrivere durante un viaggio aiuta, il viaggio porta ispirazione. Ci provo! Mi hanno chiesto di raccontarmi, di raccontare me e il mio stile.
“Maila Hoshi • Milan • Fashion Designer • Illustrator • Costume Designer • Cosplayer • Life Blog”DSC_0105
E’ la mia biografia sui social: Breve, concisa, precisa. Ma, ovviamente, non posso lasciare solo questo breve testo anche perchè io non sono né breve, né concisa. Sono una persona molto logorroica, parlo tanto, fin troppo. Posso parlare per una giornata intera, passando da un discorso a un altro e parlo anche da sola, mi piace parlare con me stessa. Non mi prendete per pazza! Non sono concisa, la mia mente viaggia tanto, ho sempre tantissimi pensieri, tantissime cosa da fare. Quindi perchè sui social ho lasciato questa breve descrizione? Semplice, i caratteri sono pochi, limitati e a me non piace essere limitata. Ma mi rendendo che sto divagando quindi ritorniamo in noi, anzi Maila ritorna in te e scrivi quello che vogliono sapere.
Sono Maila, nome d’arte Hoshi. Chiamatemi Maila Hoshi, o semplicemente Hoshi o semplicemente Maila, insomma decidete voi come chiamarmi.

Hoshi, traduzione letteraria “Stella”. Voi vi chiederete: Perchè Stella? Semplice perchè io sono una Stella. Sono nata il 10 agosto, la notte di San Lorenzo, la notte in cui nell’oscurità tutti alziamo gli occhi al cielo per veder cadere le stelle ed esprimiamo i desideri più segreti nella speranza che si possano realizzare. In tutto questo perchè ho scelto Hoshi? Bhe perchè proprio come le stelle cadono dal cielo per arrivare sulla terra, anche io sono caduta dal cielo per stare in questa terra, in questo posto, in questo luogo che per ora è Milano. Poi chi sà. Ma c’è anche un altro motivo. Ho tanti sogni e questi sogni si concentrano tutti in un unica parola: Brillare. Voglio brillare, si. DSC_0131Voglio essere importante per me e per gli altri. Voglio essere ricordata per chi sono e per quello che ho fatto. Sotto un mare di stelle ci sono anche io che nel mio piccolo cerco sempre di immergermi in quel mare.
In tutto questo parlare di brillare, di questo e di quest’altro, forse penserete che io sia una persona montata, e invece no. Credo poco in me stessa, ma quello che faccio lo faccio con il cuore e la passione. Lo faccio perchè mi piace, perchè mi fa sorridere. Perchè anche se non credo in me stessa, lo dico ma in fondo un pò ci credo in me, spero sempre di essere un esempio per qualcuno.
Vivo e studio a Milano, nell’accademia di belle arti con indirizzo moda, e nel mio percorso ho avuto modo di approfondire sia Illustrazione che Costume per lo spettacolo. Non sono ancora una Fashion designer, né un’illustratrice né una costumista. ma studio per diventare tale. Nella biografia dovevo pur scrivere qualcosa e non potevo mettere Future Fashion Designer ect. So già che lo diventerò.
Sono anche una cosplayer, da tantissimi anni, ben 7. E anche una blogger, per cosi dire.
Con il tempo ho imparato quanto una fotografia può essere importante, per gli altri sarà una semplice fotografia della vita personale, ormai tutti lo fanno: selfie, foto al cibo, foto in viaggio. Ma per me non è solo una foto, ma è la foto. Una testimonianza di come è cambiata la mia vita, di come la moda e Milano mi hanno cambiata. Sia come persona e sia come stile, anche se non ho proprio uno stile. Come dicevo prima non mi piace limitarmi. Mi faccio influenzare da tutto e da tutti, da tutti gli stili che ci sono, che sono di tendenza e non. L’unico stile che seguo, è lo stile Gyaru, una moda giapponese ma non è il momento di parlare di questo, chi sà magari in un futuro post su questo blog, riempirò la vostra lettura con la mia passione per il Gyaru.DSC_0104
Ho imparato, in questi anni, cosa significa Moda, cosa significa studiarla. Ho imparato cosa significa scegliere un abito, abitare in un abito. Ho imparato anche a prendermi cura di me stessa, a valorizzarmi e a piacermi soprattutto. La moda è anche questo, piacersi. Non è un semplice seguirla, prendo il capo che va in questo periodo e lo indosso. L’abito parla, come il nostro corpo. Trasmette sensazioni ed emozioni e questo per me è importante. Ecco cosa significa moda per me: trasmettere qualcosa, dare un sensazione. Riesco a riconoscermi, a disegnarmi tramite un abito. Il mio “Stile”, chiamiamolo Stile alla Maila, rispecchia molto me stessa, è personale. So che tutti prendono e indossano la mia stessa maglia, o il mio stesso tubino rosso in pizzo di zara (si, quello che vedete in foto) ma io l’ho indosso in un modo e gli altri in un altro. Io trasmetto me stessa in questo abito, l’abito ha preso la mia forma, la mia voglia di vivere, la mia felicità. E’ mio e ha catturato in se tutte le mie esperienze.
In realtà volevo fotografarmi con un abito tutto “bling bling”, ovvero sbrilluccicoso, però poi ho cambiato idea. DSC_0130
Già voglio brillare, poi mi metto anche un abito tutto bling bling chissà cosa penserete.
Tanto con questo riesco nel mio intento, i colori scelti per questo outfit sono forti proprio come me. Qualcuno potrà anche ridere per questa scelta, qualcuno potrà dire: Ma come ti vesti?, a qualcuno scapperà un sorriso di piacere… Bhe magari lo si apprezzerà o non lo si apprezzerà. Ho voluto solo mostrare me stessa e chi sono.
E’ questo anche il fine di queste poche, pochissime, righe.
Ho detto troppo, come sempre parlo troppo. La via è questa e no, non ho un blog dove mi racconto, dove mostro i miei outfit. Lo faccio ogni tanto su instagram perchè mi sento ispirata in quel momento. Non mi sento di aprire un blog per dare consigli di stile, magari un giorno lo aprirò chi lo sa, ma per il momento mi piace mostrarmi agli altri per strada. Lasciare il segno con uno sguardo distratto, o con uno sguardo attento. L’unico consiglio che posso dare è quello di amare i propri abiti e anche gli accessori. Ho parlato solo di abiti, che sbadata, ma anche gli accessori, almeno per me sono importanti. La borsa a forma di scatola di latte dice tutto, no?! Oltre a questo, e qui chiudo, amate in primis voi stessi e non ve ne pentirete.
Se volete conoscermi, potete venire sul mio instagram o potete conoscermi di persona.


Instagram:  @mailahoshi
Clothes: ZARA
Shoes: NO BRAND

Bag: ACCESSORIZE

_DSC0216

_DSC0204

Continuate a seguire Dalila e Maila anche su Facebook! 😉


We are very happy to present the third girl, who will be part of our new section titled “Be a BLOGGER for one day”. This time, we have given the opportunity to two beautiful girls, Dalila e Maila Fontanella, to express themselves and play with us, identifying as bloggers for a day! Dalila and Maila are two girls obsessed with fashion, they’re always on top following new trends and they became always different persons with their style. You’ll be surprised!
But now we leave you with them!
Your, S/ & M_ 

Instagram: @dadyhope
Blog: Dadie Bradshaw
Clothes and Accessories: ZARA

Shoes: Jeffrey Campbell

Instagram:  @mailahoshi
Clothes: ZARA
Shoes: NO BRAND

Bag: ACCESSORIZE

Keep following Dalila and Maila also on Facebook! 😉

 

 

Crazy Rainy March

Sebbene la Primavera sia entrata ufficialmente anche quest’anno, Marzo pazzerello ci tira sempre dei brutti scherzi! Quindi perché non farci trovare preparate e studiamo qualche look per essere sempre al top durante i rainy days?
Tutto ciò che occorre è un impermeabile, dei fashion rain boots e un ombrello: il resto del look lo create voi!
Noi vi diamo qui oggi solo piccoli spunti e vi regaliamo ben quattro proposte!

Untitled-3||   1. Auto Open Bubble Umbrella   ||   2. ASPESI – Belted Short Raincoat   ||   3. HUNTER Boot   ||  4. Auto Close Compact Umbrella   ||   5. HUNTER – Clear Hooded Raincoat   ||   6. JEFFREY CAMPBELL – Clima Rain Bootie ||

Untitled-4||   7. Umbrella by LAUREN CONRAD   ||   8. Women’s Petite Coastal Rain Parka   ||   9. JOULES – Everdon Rain Boot   ||   10. UNISEX Compact Umbrella   ||   11. JOULES – Right as Rain Coast Waterproof Jacket   ||   12. BERNARDO FOOTWEAR – ‘Lacey’ Short Waterproof Rain Boot   ||

Seguendo il nostro Moodboard e la nostra Wishlist, abbiamo ricreato dei Rainy Looks davvero particolari e pieni di quella grinta alla quale siamo ormai affezionate! Cosa c’è di più comodo di un impermeabile? Bello e pratico, può essere usato davvero su tantissimi look! Per una serata con le amiche, quando proprio la bella stagione tarda ad arrivare, o al mattino per andare a lavoro! Siamo certe che anche voi avete un impermeabile che amate tanto! Non dimenticate poi di abbinarlo ai vostri rain boots preferiti e ad un bell’ombrello! Noi vi consigliamo quello trasparente, sempre se amate guardare la pioggia che cade! 😉

Un bacione enorme e buon mercoledì! Vostre, S/ & M_


Even if the Spring has officially arrived also this year, March always plays a joke on us! So why don’t be prepared and study sny looks to be always on top during these crazy rainy days? All you need is a rain coat, a pair of fashion rain boots and an umbrella: you create the rest of the look! We give you here today only small and four ideas for a trendy look!

||   1. Auto Open Bubble Umbrella   ||   2. ASPESI – Belted Short Raincoat   ||   3. HUNTER Boot   ||  4. Auto Close Compact Umbrella   ||   5. HUNTER – Clear Hooded Raincoat   ||   6. JEFFREY CAMPBELL – Clima Rain Bootie ||

||   7. Umbrella by LAUREN CONRAD   ||   8. Women’s Petite Coastal Rain Parka   ||   9. JOULES – Everdon Rain Boot   ||   10. UNISEX Compact Umbrella   ||   11. JOULES – Right as Rain Coast Waterproof Jacket   ||   12. BERNARDO FOOTWEAR – ‘Lacey’ Short Waterproof Rain Boot   ||

Following our Moodboard and our Wishlist, we recreated some special Rainy Looks full of that grit to which we are now attached! What’s more comfortable than a raincoat? Beautiful and practical, it can really be used to recretae  many looks! For an evening with friends, when just the summer is slow to come, or in the morning. when you’re going to work! We are sure that you also have a raincoat that you really love so much! Don’t forget to match it with your favorite pair of rain boots and a beautiful umbrella! We recommend the transparent one, always if you love watching the rain fall down! 😉
A big kiss and have a great Wednesday! Yours, S/ & M_

>> Scent of Spring and Flowers

È arrivata la tanto attesa primavera e, vi dirò, le giornate mi sembrano anche più belle e calde! Ed oggi, felice di questo raggio di sole dopo tantissima pioggia, indosso il mio cappottino più leggero e il mio nuovissimo acquisto, un affare in questi ultimissimi ribassi: le mie scarpe basse a punta! Le adoro ❤️ Un acquisto promosso o bocciato?

12674706_10204746826744492_1845816818_o

L’outfit proposto è davvero semplicissimo, ispirato alla primavera, al sole che splende, ma che riprende un piccolo ricordo di un inverno ormai passato. I colori riprendono il nostro Moodboard di Marzo, ma nascondo anteprime da quello di Aprile!
Casual, assolutamente portabile, ma attento ai dettagli! Che ve ne pare?
12888720_10204746972108126_6778125772452574147_o

Buon lunedì a tutti voi!!! Un abbraccio, vostra M_

PH: Michele Lotito
COAT: STRADIVARIUS
SHIRT: PIAZZA ITALIA 
SKYNNY HIGH WEIST JEANS: H&M
SCARPE BASSE A PUNTA: ASOS
BAG: BURBERRY
BANGLES: KOUTURE & MORELLATO
EYEWEAR: MOSCHINO
RING & NECKLACE: NO BRAND

12499415_10204746727622014_175251649_o

It came the long-awaited spring the days seem to me even more beautiful and warmer! And today, happy about that sunny after a lot of rainy days, I wear my lighter coat and my new purchase, a deal in these last few sales: my flat shoes! I love them ❤️  Pass or fail? The proposed outfit is really simple, inspired by the spring, the sun which is shining, but with a little reminder of a past winter. The colours take something from our Moodboard of March, but hide also previews from that of April! Casual, very portable, but carefully detailed! What do you think?
Have a great Monday! Kisses, yours M_

PH: Michele Lotito
COAT: STRADIVARIUS
SHIRT: PIAZZA ITALIA 
SKYNNY HIGH WEIST JEANS: H&M
FLAT SHOES – BROGUES: ASOS
BAG: BURBERRY
BANGLES: KOUTURE & MORELLATO
EYEWEAR: MOSCHINO
RING & NECKLACE: NO BRAND